giovedì , 30 Maggio 2024
Home / Ultima ora / I ritardi dell’assegno unico

I ritardi dell’assegno unico

I ritardi dell’assegno unico


Il crollo demografico in Italia non si arresta perché non siamo in grado ancora di produrre una politica che faccia sentire le famiglie al centro di un progetto del Sistema Paese.
Nei primi cinque mesi del 2023 sono nati appena 148.249 bambini contro i già esigui 150.315 dello stesso periodo del 2022.
L’andamento dell’assegno unico è la prova evidente di come i piccoli passi compiuti siano largamente insufficienti.
È da tempo che chiediamo una semplificazione dei processi e un incremento della misura che ad oggi non sono ancora avvenute.
Anzi i ritardi nei versamenti avvenuti nel mese di maggio e le incertezze relative ai nuclei ex percettori di RDC hanno aumentato la distanza.
Uno strumento così importante come AU rischia di restare inutilizzato per la sua farraginosità e l’#esiguità della risorse riconosciuta alla maggior parte delle famiglie.
Dopo i 600milioni dello scorso anno, non distribuire questo miliardo significherebbe certificare il fallimento di una misura che prometteva di essere il punto di svolta in termini di capacità azione delle famiglie.
Una buona politica familiare deve essere semplice, cioè senza complessi passaggi burocratici, #generosa con oggettivi e consistenti vantaggi, e universale rivolta a tutte le famiglie, a prescindere dalla loro condizione economica.
Su questi temi interverrà Adriano Bordignon, Presidente Nazionale del Forum delle Associazioni Familiari in una tavola rotonda su Demografia e natalità moderata da Lorenza Violini, Professoressa di Diritto Costituzionale, Università degli Studi di Milano, a cui parteciperanno Gian Carlo Blangiardo, Già Presidente Istat, Statistico e Professore Ordinario di Demografia, Università Milano Bicocca; Adriano Bordignon, Presidente Nazionale del Forum delle Associazioni Familiari; Matteo Rizzolli, Professore di Politica economica, Università Lumsa; Eugenia Roccella, Ministro per la Famiglia, la Natalità e le Pari opportunità; Giuseppe Zola, Vicepresidente Associazione Nonni 2.0.
L’appuntamento è al Meeting di CL a Rimini, il 22 agosto alle ore 19,00.
Per seguire l’evento in diretta clicca qui!