giovedì , 24 ottobre 2019
Home / Articoli / Bologna sostiene le famiglie che aiutano il Paese

Bologna sostiene le famiglie che aiutano il Paese

Nella seduta del 20 dicembre il Consiglio comunale di Bologna vara il Bilancio 2019-2021. Fra le novità c’è l’approvazione a larga maggioranza di un documento sull’introduzione di strumenti di equità e flessibilità che tengano conto del numero di figli e dei carichi familiari nei sistemi di erogazione dei servizi alla persona.

Il documento approvato è stato presentato in data 13/12 dai consiglieri Gian Marco De Biase (Insieme Bologna), Raffaella Santi Casali (Partito Democratico) e Amelia Frascaroli (Città comune). Ad esprimersi a favore dell’approvazione 29 consiglieri (Sindaco, Partito Democratico, Città comune, Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Insieme Bologna, Gruppo misto), mentre in 5 si sono astenuti.

Si tratta di un importante misura che riconosce il ruolo della famiglia nel welfare e contrasta il preoccupante fenomeno della denatalità.


Di seguito riportiamo il testo dell’ordine del giorno collegato al Bilancio 2019 approvato dal Consiglio.

PREMESSO:
• vista la necessità di riconoscere e sostenere il ruolo sussidiario svolto dalle famiglie nello svolgimento di una fondamentale attività di welfare, sia in senso quantitativo, sia in senso qualitativo, a favore di minori, di anziani non autosufficienti, persone con disabilità, malati;
• vista la profonda crisi demografica che caratterizza il nostro Paese e che vede la nostra città ai primi posti nelle statistiche ufficiali in termini di invecchiamento della popolazione e denatalità;

CONSIDERATO CHE:
le ripercussioni di carattere economico, sociale e anche culturale che tale crisi prefigura e la necessità, di agire concordi per contrastare un fenomeno che rischia di rendere la nostra società più povera, più iniqua, più fragile e meno accogliente verso tutti;

INVITA IL SINDACO E LA GIUNTA:
a valutare l’introduzione, nell’ambito dei sistemi di erogazione dei servizi alla persona in essere, in via sperimentale e adeguata al contesto bolognese, di strumenti di equità, flessibilità che tengano conto del numero di figli e dei carichi familiari.

F.to
Gian Marco De Biase
Raffaella Santi Casali
Amelia Frascaroli